Bankroll scommesse: Come gestirlo?

1
1140

Il Bankroll nelle scommesse, da alcuni definito come cassa, è una delle cose che bisogna imparare a gestire per poter avere maggiori probabilità di ottenere successo con le scommesse sportive e riuscire a fare soldi con le scommesse, integrando il proprio reddito da lavoro grazie ad esse, o addirittura andandolo totalmente a sostituire.

Ci sono scommettitori che pur avendo delle discrete capacità di analisi, e dunque, la capacità di individuare le quote di valore, non riescono comunque a fare profitto a causa di una gestione sconsiderata del bankroll che li porta a finire rotti, termine utilizzato per indicare coloro che perdono tutto il capitale.

Nel Betting, così come in qualsiasi altra attività analoga, quindi anche nel trading, i pilastri fondamentali per far bene sono 3: Saper trovare valore, avere una corretta gestione del bankroll e saper gestire la propria emotività.

Bankroll nelle scommesse: Come costruirlo?

Per poter costruire un discreto bankroll nelle scommesse bisogna necessariamente fare affidamento all’interesse composto, e ovviamente ad una gestione del proprio Betting che permetta l’individuazione di operazioni che diano valore atteso positivo, altrimenti è inutile qualsiasi discorso, anche il miglior money management fallirebbe.

Se hai un piccolo budget l’ideale è sfruttare l’interesse composto che nel tempo ti permetterà di raggiungere un capitale grazie al quale potrai guadagnare cifre interessanti, quindi bisogna portare pazienza e occorre evitare di prelevare dai propri conti legati al Betting per utilizzare quel denaro per fare altro, specie se trattasi di spese voluttuarie.

Come trovare le partite truccate

Un 6% netto mensile (di media, poi ci sono mesi migliori e peggiori, dovuti alla naturale varianza nelle scommesse) per esempio permetterebbe di quadruplicare il capitale in due anni. Quindi un piccolo capitale di soli 3.000€ potrebbe diventare 12.000€, e se all’inizio rendeva solamente una media di 180€ al mese, adesso renderà 720€ e si può iniziare a pensare di prendere una parte di questi profitti per spenderli per la propria vita.

Questo 6% è tutt’altro che impossibile da guadagnare, specie se ci si rivolge a professionisti del Betting, noi di Betsystem con il nostro prodotto Football Pro possiamo arrivare a sfiorare o superare il 100% netto in 1 anno senza nemmeno sfruttare l’interesse composto. Quello che bisogna avere è un atteggiamento da investitore, atteggiamento che è una delle cose più difficili da acquisire per chi non è molto analitico già di suo. Solamente chi decide di investire nelle scommesse per guadagnare e si approccia all’attività di conseguenza, potrà farcela.

Storico Football Pro 2021

Storico Football Pro 2022

Richiedi accesso storico 2023

Bankroll: Come gestirlo al meglio?

Per poter avere una corretta gestione del bankroll nelle scommesse bisogna evitare cose suicide come il sistema al raddoppio e altre cose affini come le martingale, possibilmente bisogna evitare anche il Masaniello perché può essere interessante giusto per gestioni speculative. Anche il famigerato Kelly è opportuno evitarlo.

Il miglior modo per gestire il bankroll è stabilire a quanto ammonti in euro una singola unità dello stesso, e utilizzare il sistema a stake (da 1 a 10) e agire di conseguenza.

Noi per esempio con un budget di euro 10.000€ abbiamo stabilito che un’unità corrisponda 35,00€, e utilizziamo gli stake da 1 (raramente) a 4 (raramente).

Con i nostri clienti, utilizziamo moltissimo lo stake 2 che corrisponde a soli 70€ su 10.000€, quindi meno del 1% e questo ci garantisce una gestione molto oculata che anche nei casi di crisi dell’operatività (rari, ma esistono, è normale) ci permette di andare avanti serenamente.

Quello che devi fare è stabilire quanto valga una tua unità e in base all’affidabilità dell’evento (valore atteso) e alla natura della competizione (per una questione di limiti di mercato) attribuirgli uno stake e da lì calcolare esattamente quanto puntare.

Le nostre performance con i clienti grazie ad una corretta gestione degli stake

Strumenti di gestione del bankroll: Sono affidabili?

In rete esistono vari strumenti di gestione del bankroll, alcuni dei quali anche a pagamento, ma nessuno di essi è efficace, perché come scrivevamo il modo migliore per gestirlo è stabilire quanto valga una propria unità e attribuire uno stake ad ogni eventi e operare di conseguenza.

Un’alternativa a ciò è operare sempre con la stessa identica cifra ma questo non ottimizza le performance, e un’altra alternativa è l’Anti-Martingala che permette di diminuire le perdite nei momenti negativi e ottimizzare i risultati nelle fasi positive. Ma il nostro consiglio, per non complicarsi la vita, è seguire la prima idea che per noi è anche la migliore.

Bankroll: Quanto scommettere su ogni partita?

Come si può intuire non è corretto piazzare la stessa cifra per ogni selezione, questo avrebbe senso se si operasse in maniera sistematica con l’ausilio di un algoritmo per vincere alle scommesse, ma quando si opera in maniera discrezionale ogni partita è una storia a sé e quindi necessità potenzialmente di puntate differenti.


Se sappiamo che una squadra scenderà in campo molto rimaneggiata, con persino un portiere che giocherà come calciatore di movimento (capita più spesso di quanto si creda) non possiamo utilizzare su un match del genere lo stesso stake che potremmo utilizzare su una normalissima partita in cui abbiamo individuato un’operazione di valore come tante ce ne sono. Questo semplificando molto il concetto.

Bankroll: Trucchi per far crescere velocemente 

Non esistono trucchi per far crescere velocemente il bankroll, tranne forse fare un po’ di Insider Betting come insegniamo noi nel nostro manuale apposito, ma il mercato deve comunque permetterci di fare tali operazioni che non sempre sono disponibili, anzi.

Il modo migliore per far crescere velocemente il proprio bankroll nelle scommesse sportive è affidarsi a professionisti che siano in grado di ottenere dei buoni risultati, questo ti permetterà di diminuire molto le tempistiche per arrivare ad avere un bankroll adeguato per svolgere l’attività in maniera seria.

Altrimenti, se dovessi fare le cose in autonomia, potrebbero passare molti più anni e aumenta a dismisura il rischio di non farcela, e c’è da considerare che dovresti dedicargli molto del tuo tempo mentre seguire un professionista ti toglie pochi minuti al giorno per replicarne l’operatività.

Devi rivolgerti solo a professionisti che abbiano una storicità certificata da piattaforme terze, cosa che noi abbiamo.

Contattaci

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here